2007

E' stato un anno strano... Molto bello... E da inguaribile pessimista non me lo sarei mai aspettato così...

Innanzitutto ho fatto un sacco di vacanza, come non mi succedeva da anni. E anche belle vacanze.

Ho cominciato ad aprile, con una puntatina in Sardegna di 5 giorni (anche se secondo me meno di una settimana non è vacanza!) di cui vi avevo già detto. Sono andato con degli amici che fanno kite surf nel sud, a Baia Chia. Posto stupendo, spiaggia enorme con le dune, stagno con i fenicotteri e soprattutto amici molto molto simpatici e alla mano. Peccato solo per il poco vento. Comunque sole da paura tanto che sono tornato ustionato come un peperone. L'immagine qui sotto è il posto dove eravamo.


Visualizzazione ingrandita della mappa

Poi l'estate. Meditavo di andare a fare quel famoso viaggio in Giappone, da solo. Ero anche abbastanza deciso. Poi "un'amica" mi ha chiesto di andare con lei e altre due amiche sue a Formentera. Potevo rifiutare? No, anche se era un'incognita perché in effetti ci conoscevamo poco. Alla fine le amiche ci hanno paccato. Che facciamo? Andiamo, non andiamo? Ma si, andiamo. Deciso. Chiedo le ferie al capo. Sto seguendo un megaprogetto da un megacliente e non me le da. Mannaggia. Capo, e se rimando di un paio di settimane? OK! Rimandiamo di un paio di settimane, partiremo a metà luglio (poi il rimandare si dimostrerà provvidenziale ;-) Facciamo tutto da soli, troviamo la casetta e i voli low-cost con facilità (viva i low-cost!), anche se manca neanche un mese alla partenza (questa cosa in effetti mi ha sorpreso).

Il giorno della partenza, sul treno per Malpensa la coppia seduta davanti a noi ci dice che sono andati a Formentera per dieci anni di fila, vi piacerà. Una volta là, l'isola ci travolgerà. Formentera è stupenda, il mare è a livello Caraibi (mancano solo le palme), la gente simpatica, il clima è perfetto. Ma quello che non si può capire senza andarci è lo spirito che si respira, una libertà assoluta, di fare quello che vuoi, quando vuoi, non ci sono orari, non ci sono problemi, non ci sono menate di nessun tipo. Ma non pensiate che sia una bolgia senza regole, non è così, è molto tranquilla, ma allo stesso tempo completamente libera. La potete vivere in molti modi. Vi verrà voglia di lasciarvi andare, di non pensare, di vivere il momento. E' successo a me, per cui può succedere a tutti (!).

In spiaggia per esempio, potete stare come volete, in costume, in topless, o nudi, non c'è problema, nessuno farà caso a voi. Vi capiterà di stare accanto alla famigliola nudista con bambini, al gruppo di hippy che si fanno una cannetta e al gruppo di ragazzini fighetti appena diplomati. Ma lì è la cosa più naturale del mondo, nessuno si fa problemi.

Tutto è dilatato nel tempo, ci si alza tardi, si pranza a orario merenda, si sta in spiaggia fino al rito dell'aperitivo al tramonto (con tanto di applauso quando il sole cala nel mare di fronte al Big Sur, da provare almeno una volta!), si va a cena a orari improponibili (prima delle 22 i ristoranti sono deserti), e dopo cena potete scegliere tra una marea di locali, da quello superfighetto con i calciatori a quello scrausissimo al centro dell'isola, immutato da quarant'anni (chiaramente sto parlando del Fonda Pepe!).

E poi si gira in motorino, con improbabili caschi in testa e l'ombrellone appeso di lato, come non facevo da vent'anni almeno. Ogni tanto vedi gruppi di amici che si ingarellano, e ti suonano, e ti salutano. All'inizio non capisci, poi inizi anche tu... Fantastico.

Lati negativi? Solo uno: è tutto carissimo! Fare la spesa è un po' più caro della media trattandosi di un'isola, e va bene. Quello che è carissimo sono appunto i locali e i ristoranti. Siamo ai livelli di prezzo di Milano, una cena normale costa sui 30/35 euro a testa, una cena in un ristorante figo (e ce ne sono, specialmente i due di carne argentina che abbiamo provato) vi costerà sui 50 euro a testa. Un cocktail 8 euro. Pazienza, ne vale la pena e si vive una volta sola.

Comunque lo spirito hippy degli anni 70 e 80 si è un po' perso a mio parere. In giro li vedrete ancora, ma il 90% di chi viene qui è gente fighetta coi soldi, non c'è dubbio. E l'80% sono italiani, per cui se andate poco d'accordo con i vostri connazionali mettetelo in conto. E poi quest'anno l'isola sembrava una succursale Baci&Abbracci...

Bilancio: TOTALE! Credo una delle vacanze più belle mai fatte (qui sotto la nostra casina).


Visualizzazione ingrandita della mappa

Terza vacanza: fine agosto a Kos, in Grecia. Con le amiche di cui sopra, che ci hanno paccato per Formentera. In questo caso abbiamo scelto un po' quello che c'era, perché le amiche suddette avevano stringenti esigenze temporali; in pratica, dovevamo partire e tornare di domenica, e sorpresa, ormai sui cataloghi dei tour operator i viaggi che partono di domenica sono pochissimi (chissà perché poi...). Per cui abbiamo preso quello che c'era: Kos, appunto, e sistemazione in un megaalbergo con 4 piscine e trattamento all-inclusive.

Oltretutto, voli notturni, che è sempre uno sbattimento e poi, attenzione, Rossella non aveva mai volato in vita sua! Alla partenza è tesa, tesissima, al decollo siamo preoccupati... e poi starà tre ore immobile sul sedile, quasi in stato di rigor mortis... :-)

All'arrivo ci sistemiamo, l'albergo è bello, fatto tutto di casette a due piani e immerso in un bel giardino, profusione di piscine, accesso diretto alla spiaggia (non male) e animazione serale in tedesco! L'all-inclusive è devastante: c'è un sacco di roba da mangiare, ma come sapete l'italiano sul cibo è un po' esigente e insomma, bisogna un po' accontentarsi (tranquilli, non abbiamo rischiato di deperire). Quello che abbiamo sopportato poco erano gli orari, colazione fino alle 9.30 e cena fino alle 21.30... trooooppo presto! Infatti eravamo sempre gli ultimi a uscire dal ristorante (a proposito, molto molto carine le cameriere quasi tutte dell'est europeo... ;-). E poi continui a bere a tutte le ore roba gasata... tanto è gratis!

Ecco qui il nostro splendido albergo:


Visualizzazione ingrandita della mappa

Dopo un paio di giorni abbiamo noleggiato una fantastica vettura per girare l'isola, facendo il giro dei soliti quattro noleggiatori fuori dall'albergo, e beccando il solito greco che tu vai lì per chiedere quanto costa la macchina e questo ti parla mezz'ora in greco dei cazzi suoi, tu non capisci una beata fava e dopo un po' gli dici "si va bene ma la macchina?" e lui niente, va avanti imperterrito. Alla fine comunque ce l'abbiamo fatta e siamo usciti con la nostra bella Daewoo Matiz cilindrata 800 (marciante) che su un paio di salite dell'isola ho avuto paura di dover scendere a spingere... Oltretutto in Grecia affittare una macchina è una pacchia, non ti chiedono nulla, né carta di credito né caparra... gli dai i soldi sull'unghia e via...

L'isola un po' ci ha deluso a dire il vero. In un paio di giorni vedete tutto quello che c'è da vedere, la capitale con i resti romani, le terme, l'isolotto nella parte sud, e poco altro. Tant'è che il terzo giorno di macchina non sapevamo più dove andare e l'abbiamo passato in una spiaggiona semideserta dove abbiamo preso ombrellone e lettini per 6 euro (a Formentera 15!!). Anche il mare, pur bello, non era niente di speciale. Comunque se cercate un posto tranquillo (in certe spiagge eravamo quasi da soli) ed economico Kos può fare per voi. Diciamo che noi avevamo ancora in mente Formentera e il confronto è impari.

Il penultimo giorno dovevamo fare una gita in barca ma alcuni "problemi tecnici" ci hanno fatto desistere. Comunque nel complesso una bella vacanza, bella compagnia e nessun problema. Da solo con tre donne in effetti era un'incognita, potevo uscirne travolto... e invece è andata bene, mi è piaciuto ascoltare i loro discorsi e mi sono sentito anche un po' protettivo nei loro confronti (un paio erano come dire... un filino ansiose).

A dire il vero un problemino c'è stato: il terremoto! Una sera rientriamo in camera verso mezzanotte, e a un certo punto vedo l'armadio che si muove! Una bella scossa di terremoto, che si è sentita proprio bene, e ha fatto scappare tutti fuori dalle camere. Ci mancava pure il terremoto.

Il viaggio di ritorno purtroppo è stato allucinante, il volo che doveva partire alla una di notte è partito invece verso le 5, per cui abbiamo bivaccato tutta notte all'aeroporto che essendo piccolissimo offriva zero comfort. Siamo arrivati a Milano alle 8 del mattino circa e le nostre amiche sono andate direttamente in ufficio! Pazze! Meno male che io ero ancora in ferie...

E finisco il post con l'ultima gitarella per capodanno, a Forte dei Marmi, gentili ospiti di una gentile coppia di neo sposini (grazie ancora!). Tre giorni di relax e mangiate in compagnia (con un servizio di piatti da urlo!). Scena vista più bella: chioschetto sul lungomare, sera, pioggia, freddo, tre persone che mangiano non so cosa, una Ferrari parcheggiata davanti. Dev'essere proprio figo quel chioschetto. Scena vista più bella 2: io che faccio una foto a un vu cumprà (el negher) che mi chiede di mandargliela per mail. Gliela manderò.

Bilancio 2007: ottimo direi, tanto divertimento, lavoro ok, un sacco di gente sta cambiando idea su di me, e anche qualcos'altro.... ma questo magari sarà oggetto di un altro post...

8 commenti:

  1. Sembra davvero un ottimo 2007 per te...io non posso dire lo stesso del mio anche se ho conosciuto nuovi amici(e questa è una cosa preziosissima visti i tempi che corrono)...Spero in un 2008 migliore comunque.

    RispondiElimina
  2. ponga197513/1/08 23:00

    eccoci!!!Figurati!!!W le arachidi for ever!!!Ponga & Popi

    RispondiElimina
  3. Cosa posso dire..? prima di tutto ringraziamo la tecnologia (e in particolare msn), che ci ha permesso di riallacciare i rapporti dopo quasi 7 anni. Poi direi che un grazie me lo merito anche io per l’infinita pazienza che ho avuto nel volerti conoscere :), e infine, un grazie anche a te.. che hai deciso di lasciarti coinvolgere.

    Formentera - In realtà essendoci già stata andavo abbastanza sul sicuro, impossibile non divertirsi, possibile invece, non andare d’accordo fra di noi, ma per fortuna non è andato tutto benissimo! ;) Mi piace come hai descritto l’isola e non aggiungerò altro.. tranne un paio di particolari!
    “Troviamo la casetta e i voli low-cost”, vorrei precisare che tu hai fatto 2 click per prenotare l’aereo, mentre a me è toccato lo sbattimento della ricerca della casa, mail, telefonate, incredibile sforzo di memoria per capire dove fossero posizionate, ricerche varie con la google map. Alla fine ci è andata bene, casina centrale ma non rumorosa, almeno dal lato notte, a 3 minuti dal mare, con bagno, camera da letto, cucina e salotto con ampio divano, terrazzo e spazio interno per parcheggiare lo scooter. C’era pure una bella piscina, inutile direi, non ci siamo mai neanche avvicinati. Parlando di cucina, colgo l’occasione per ringraziarti pubblicamente per avermi detto col cuore “mmm buona questa pasta, ma allora non è vero che non sai cucinare!”, se far cuocere la pasta e metterci un sugo pronto vuol dire cucinare, allora sono un’ottima cuoca!!! ^_^
    Altro particolare, ci eravamo talmente adattati ai ritmi dell’isola che l’unica volta che ci siam dati un orario, “a mezzanotte ci sono i fuochi a San Francesc”, siam riusciti ad arrivare in ritardo! Uscendo a mezzanotte meno 5 da casa i fuochi li abbiamo visti, carini fra l’altro, ma dallo scooter.
    Ottimo il Caminito, ristorante argentino con i tavoli a bordo piscina, mooolto romantico! E poi che dire, io adoro il Fonda Pepe, anche se non son riuscita a fartelo vedere in una delle sue tipiche serate danzanti. Quando ci torniamo?

    Kos – Anche qui son d’accordo con te, non si possono fare paragoni, vacanza rilassante e piacevole, soprattutto per la compagnia. Ma ti sei dimenticato di parlare delle zanzare!!! Le prime tre notti son state una guerra, per fortuna poi abbiam fatto come dicevo io, e le zanzare “puf” magicamente sparite! Per i lettori del blog, ci credete che in quattro, con tre donne, Fabio riusciva sempre e comunque ad essere l’ultimo?? Nota positiva, le sigarette costavano pochissimo!

    Forte – Son stati 3 giorni molto carini, ancora grazie a Ponga e Ale!

    Concludo il mio commento chilometrico, dicendo che sei una bella persona, ed è normale che chi ha la possibilità di conoscerti un po’ meglio cambi idea su di te!
    Ultimamente non farò post allegri nel mio blog, ma rileggere delle nostre vacanze mi ha messa di buon umore!

    RispondiElimina
  4. Ops volevo dire "per fortuna è andato tutto bene" hi hi hi

    RispondiElimina
  5. Gobardo Barbieri21/1/08 20:03

    Caro amico, mi sembra un anno positivo, posti molto belli, tante vacanze piacevoli, lavoro ok, ma suvvia, non essere timido, racconta com’è andata con la dolce fanciulla nella seconda vacanza, e con le tre damigelle della terza.

    RispondiElimina
  6. [mode politicamente scorretto on]L'importante è che non sei diventato ricchione!!!
    [mode politicamente scorretto off]

    RispondiElimina
  7. donni sotto sotto è un omosessuale inconsapevole.
    w il bradipo!!!!


    kilo

    RispondiElimina
  8. Ciao Fabio
    Complimenti il tuo blog è veramente bello! scrivi anche molto bene... Un abbraccio Michele.

    RispondiElimina

Dai, non essere pigro... lasciami un commento...